Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
News post

Nuove regole per la classificazione delle aziende energivore: chi sono i beneficiari delle agevolazioni?

Il 1 gennaio 2018 è entrato in vigore il Decreto del Ministero dello sviluppo Economico del 21 dicembre 2017, che fissa nuovi criteri per la classificazione delle aziende energivore e regola i relativi livelli di contribuzione

In questo articolo illustriamo i contenuti del Decreto, chi sono i beneficiari delle agevolazioni e le prossime scadenze.

Redatto con il fine di armonizzare la normativa alle disposizioni comunitarie in materia, il decreto stabilisce:

  • I livelli di contribuzione agli oneri generali di sistema da applicare alle imprese a forte consumo di energia elettrica a decorrere dal 1° gennaio 2018;
  • Le modalità e i tempi di attuazione del piano di adeguamento redatto dall’Italia;
  • Le caratteristiche soggettive delle imprese che possono accedere alle agevolazioni;
  • Le modalità con cui l’Autorità per l’energia provvede all’attuazione della misura

Sono oltre 3000, le imprese manifatturiere a forte consumo di energia elettrica che potranno usufruire dunque delle nuove agevolazioni per la riduzione della bolletta dell’elettricità.

Nel Decreto, infatti, si ritiene prioritario semplificare il meccanismo di accesso alle agevolazioni a favore delle imprese energivore e assicurare alle imprese agevolate la certezza sugli oneri applicabili nell’anno di competenza.

Aziende energivore: chi sono i beneficiari delle agevolazioni

A decorrere dal 1° gennaio 2018, accedono alle agevolazioni le imprese che hanno un consumo medio di energia elettrica, calcolato nel periodo di riferimento, pari ad almeno 1 GWh/anno e che rispettano uno dei seguenti requisiti:

  • operano in uno dei settori dell' Allegato 3 delle Linee guida CE;
  • operano in uno dei settori dell' Allegato 5 delle Linee guida CE e hanno un indice di intensità elettrica positivo superiore al 20%;
  • non rientrano nei primi due punti, ma sono ricomprese negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia redatti, per gli anni 2013 o 2014, dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) in attuazione dell’articolo 39 del decreto legge n. 83/2012 Livelli di contribuzione agli oneri generali di sistema

I livelli di contribuzione

I livelli di contribuzione si riferiscono alla sola parte degli oneri di sistema relativa al supporto delle energie rinnovabili e alla cogenerazione, e sono diversi a seconda dell’appartenenza delle imprese alle categorie sopra descritte.

Settori compresi nell’Allegato 3 o 5 e intensità elettrica su VAL maggiore uguale al 20%

Le imprese contribuiscono agli oneri di sistema sopra descritti in forma slegata dal loro consumo di energia elettrica, ma come percentuale del Valore Aggiunto Lordo, secondo le percentuali della seguente tabella.

Settori compresi nell’Allegato 3 e intensità elettrica su VAL minore del 20%

Le imprese contribuiscono agli oneri di sistema caricando il costo sul consumo di energia in MWh, ma di una quota scontata in base al valore dell’intensità elettrica sul fatturato.

Settori compresi nell’Allegato 5 e intensità elettrica sul VAL minore del 20%

Non è prevista alcuna agevolazione.

Settori non compresi nell’Allegato 3 o 5 ma iscritti in elenco energivori nel 2013 o 2014

Le imprese contribuiscono agli oneri di sistema caricando il costo sul consumo di energia in MWh, ma di una quota scontata in base al valore dell’intensità elettrica sul fatturato.

Parametri di consumo efficiente

Il 31 luglio 2018 è il termine per l’elaborazione da parte di ENEA dei parametri di consumo efficiente, che, una volta approvati dal Ministero, saranno utilizzati per la determinazione delle agevolazioni dal 1 gennaio dell’anno successivo.

La CSEA provvederà a pubblicare sul proprio sito internet l’elenco dei requisiti delle imprese energivore che beneficiano delle agevolazioni del decreto e trasmetterà annualmente al Ministero dello sviluppo economico e all’Autorità per l’energia una relazione sullo stato di attuazione della misura.

Il testo integrale e i documenti di sintesi sono disponibili sul sito del MISE.

Tagged with: