food-and-beverage
Blogpost

Ecco come le aziende alimentari hanno vinto le sfide dell’energia

Alcuni esempi di successo di aziende italiane del food & beverage che stanno riducendo le emissioni, rimanendo competitive.

È ormai chiaro che il settore alimentare deve adottare misure significative per ridurre le proprie emissioni di CO2. I governi e le autorità di regolamentazione di tutto il mondo lo stanno imponendo con normative ad hoc e anche i consumatori sono sempre più orientati verso prodotti sostenibili.

Il food & beverage, tuttavia, è un'industria che ha un ingente fabbisogno di riscaldamento e raffreddamento per i propri processi produttivi e la decarbonizzazione può essere più impegnativa rispetto ad altri settori. Occorre quindi fare di più per raggiungere l’obiettivo delle emissioni zero ma allo stesso tempo è fondamentale tenere sotto controllo i costi energetici, soprattutto in considerazione dell'attuale crisi energetica globale. Ma questo non deve entrare in competizione con gli obiettivi ambientali: ci sono molti modi per ridurre le emissioni oggi e rimanere competitivi nel lungo termine.

Ma quali sono le soluzioni energetiche in grado di aiutare il settore? Ecco alcuni dei modi in cui Centrica Business Solutions ha supportato alcune aziende italiane dell’industria alimentare nel ridurre costi ed emissioni.

 

Zini rispetta ambiente, società e territorio

Zini produce 5.500 chilogrammi di gnocchi l'ora e più di 1.000 chilogrammi di pasta ripiena per ognuna delle due linee di produzione dedicate a questi formati. Da sempre attenta al proprio impatto ambientale, l’azienda ha collaborato con Centrica Business Solutions per implementare le soluzioni di energy insight, in modo da poter monitorare più da vicino i propri consumi energetici.

A seguito dei dati raccolti, quindi, ha deciso di implementare, presso lo stabilimento di Cesano Boscone, un impianto di cogenerazione (CHP) completamente finanziato dalla nostra azienda con la formula DEP, per soddisfare le richieste di riscaldamento e raffreddamento del processo produttivo con energia autogenerata.

L’impianto ha consentito all’azienda di ridurre di circa il 20% il costo del kilowatt/ora, soddisfare il 50% del fabbisogno di energia dello stabilimento e ridurre le emissioni di CO2 di 300 tonnellate l’anno.

E il suo percorso di sostenibilità continua ora con un impianto fotovoltaico.

IFFCO investe in un futuro più competitivo

IFFCO rappresenta l'eccellenza nella produzione e nel confezionamento di bombolette e pacchetti di panna. Lo stabilimento di Marcianise è estremamente energivoro, non solo perché opera a ciclo continuo, ma anche perché sfrutta la produzione e l'utilizzo di vapore a 14 bar per la sterilizzazione dei prodotti. Si tratta, infatti, di una produzione alimentare spinta, con ambienti che operano in regime asettico.

L'azienda ha quindi scelto Centrica Business Solutions per l’installazione di un impianto di cogenerazione in grado di soddisfare circa il 70% del fabbisogno elettrico del sito e che, grazie a una caldaia a recupero fumi, produce vapore saturo alla pressione di 14 bar, convogliato poi nell’impianto produttivo per le fasi di sterilizzazione Ultra-high temperature (UHT) dei prodotti.

IFFCO ha ridotto così i costi energetici di circa 500.000 euro e le emissioni di CO2 di oltre 100.000 tonnellate l'anno. Grazie alla configurazione a ‘isola’, inoltre, in caso di interruzione o problemi alla linea elettrica provenienti dall’esterno, il cogeneratore riesce a intervenire in tempo reale per garantire la continuità di funzionamento dei reparti chiave, come, ad esempio, i serbatoi asettici.

Brivio & Viganò migliora margini e sostenibilità

Il leader del settore della logistica e distribuzione, Brivio & Viganò, ha collaborato con Centrica Business Solutions per migliorare la resilienza degli impianti ed assicurare sempre la freschezza dei prodotti, con una soluzione sostenibile sia economicamente, sia dal punto di vista ambientale.

A seguito di un’analisi energetica presso la sede di Pozzuolo Martesana, dove è presente un’area di stoccaggio di merce fresca e surgelata di 25.000 metri quadrati, l’azienda ha scelto di installare un impianto di trigenerazione, in grado di garantire freddo negativo a -6° e di soddisfare l’87% del fabbisogno energetico, riducendo, così, i costi dell’energia.

L’impianto, interamente finanziato dalla nostra azienda, riduce le emissioni di Brivio & Viganò di 1.300 tonnellate l’anno e di 587 tonnellate equivalenti di petrolio, migliorando la reputazione aziendale e garantendo un futuro sostenibile.

Ridurre le emissioni non è solo la cosa più giusta da fare per il pianeta, ma ha anche rilevanti vantaggi commerciali e reputazionali, in un momento in cui i consumatori e i rivenditori scelgono di acquistare da aziende alimentari che dimostrano forti attitudini ecologiche.

Scarica il white paper dedicato all’industria food & beverage per scoprire perché la sostenibilità è la ricetta segreta per aumentare la competitività del settore.

Iscriviti a Centrica Business Solutions

Registrati per ricevere la nostra newsletter mensile e aggiornamenti su:

  • Net Zero, sostenibilità, decarbonizzazione ed energie rinnovabili 

  • Le nostre soluzioni energetiche e i trend del mercato energetico

  • Le nostre ultime notizie, webinar, podcast ed eventi

Cliccando su ‘Iscriviti’ acconsenti all’invio della newsletter mensile Centrica Business Solutions e di altre informazioni sui temi indicati. Potrai cancellare la tua registrazione in qualsiasi momento. Per saperne di più, leggi la nostra informativa sulla privacy.