Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Gestione del proprio consumo energetico

La gestione dell'energia ha dimostrato diverse volte il proprio valore. Per molte aziende la questione non è tanto "se" è necessario implementare un programma, ma "come".

Grazie alla potenza dell'Internet of Things (IoT) e dell'Internet of Energy, le aziende sono in grado di monitorare e registrare facilmente e in tempo reale il loro consumo energetico e le prestazioni degli asset. Questo consente loro di ottimizzare il consumo energetico, di migliorare l'efficienza operativa e di ridurre i costi.

Ma qual è il miglior modo per monitorare l'energia a breve e a lungo termine? Investire in un reparto interno di gestione dell'energia? Rivolgersi forse ad un'azienda esterna che si assuma questo incarico? Oppure meglio valutare una soluzione ibrida? Sono molti i fattori da considerare.

Gestire la questione internamente

1. Cominciamo con i fondamentali

Nella valutazione delle opzioni di gestione dell'energia, è necessario considerare quanto segue:

  • Le dimensioni della propria azienda
  • Gli obiettivi di miglioramento della gestione dell'energia
  • Le capacità del personale
  • L'infrastruttura esistente

Tutte questi fattori determinano la decisione di creare un reparto dedicato (o continuare ad investire in esso), oppure delegare e cercare un fornitore di servizi esterno.

2. Comprendere le proprie possibilità

Oltre all'installazione e alla preparazione, un programma di gestione dell'energia deve essere mantenuto mediante un lavoro costante.

Innanzitutto, è necessario raccogliere e analizzare i dati. Queste operazioni, se fatte internamente, richiedono l'assunzione o la formazione di personale specializzato che sia in grado di trasformare questi dati in informazioni fruibili. Le reti wireless potrebbero dover essere preparate per gestire un'applicazione che richiede un notevole supporto Internet. Questo potrebbe significare dover aggiornare il sistema attuale o passare ad un servizio Internet di livello superiore.

3. Considerare i costi

Uno dei principali ostacoli di un sistema interno di gestione dell'energia è costituito dalle spese.

I costi da coprire:

  • I costi di implementazione e manutenzione di un sistema: vanno da 2,31 euro ($ 2,50) a 6,49 euro ($ 7) al metro quadro
  • Stipendi e benefit per i dipendenti necessari
  • Costi futuri: se l'azienda cresce di dimensioni e nel personale, è possibile dover aumentare di livello la soluzione interna

4. Cybersicurezza

Un problema della medesima o di maggiore importanza è l'esigenza di una cybersicurezza supplementare. Gestire grandi volumi di dati sensibili richiede:

  • Protezione più ampia
  • Codifica avanzata
  • Tutele supplementari contro potenziali hacker e violazioni di dati

Per un'azienda di medie dimensioni che cerca semplicemente di monitorare il proprio consumo energetico, questi metodi avanzati possono essere al di là della propria capacità, ma ignorarli potrebbe avere conseguenze gravissime.

Esternalizzazione della gestione dell'energia

1. I fattori positivi di coinvolgere una terza parte

A volte indicata con Energy Management as a Service (EMaaS, gestione dell'energia come servizio), l'opzione esterna si sta rivelando popolare, perché ha l'arduo compito di gestire i propri dati energetici dall'esterno.

Con l'esternalizzazione, un fornitore EMaaS svolge i seguenti compiti, e non solo:

  • Raccolta dati
  • Analisi
  • Risoluzione dei problemi
  • Sicurezza

Si tratta di persone esperte, che si muovono a proprio agio nel panorama dei sistemi di gestione dell'energia. I loro servizi sono utili, risolvono molti grattacapi e sono spesso più convenienti rispetto alla creazione di un team interno.

2. I fattori negativi di un coinvolgimento di terze parti

Quel che si guadagna nella gestione esterna dell'energia si potrebbe perdere in autosufficienza e competenze chiave. Senza un controllo diretto dell'andamento quotidiano di una soluzione di gestione dell'energia, potrebbero venire a mancare:

  • La possibilità di intervenire sul metodo di impiego della soluzione e sull'interpretazione delle informazioni
  • La capacità di influenzare il fornitore di servizi
  • Chiare opportunità di individuare disattenzioni

Va anche considerato il gap a livello di conoscenze sempre maggiore tra la propria azienda e l'appaltatore:

  • Minore sarà il controllo sul proprio consumo energetico e maggiore sarà l'affidamento che si deve fare sul fornitore di servizi in futuro
  • Con l'evoluzione della tecnologia, delle metodologie e delle migliori pratiche, evolve anche il gap a livello di conoscenze
  • Senza avere questo ben chiaro, la propria posizione non sarà vantaggiosa, perché non sarà possibile sfruttare il valore del processo di gestione dell'energia

Va considerato inoltre il ritardo nella comunicazione. Con terze parti è spesso più difficile agire immediatamente quando il sistema di monitoraggio dell'energia rileva un'anomalia. Questo ritardo può rallentare o ridurre l'efficacia del sistema nel suo complesso.

C'è un'altra opzione da considerare

È chiaro che i sistemi interni di gestione dell'energia e gli EMaaS presentano determinati vantaggi e svantaggi. Farà quindi piacere sapere che esiste una terza opzione che coniuga i due mondi, evitando le insidie. Questo sistema ibrido di gestione dell'energia esternalizza il lato tecnologico, ma porta le risposte direttamente nella propria azienda.

Introduzione alla gestione dell'energia inter-house

Sfruttando i vantaggi delle soluzioni di gestione dell'energia in-house e out-of-house, la gestione dell'energia inter-house permette di usare una tecnologia di terzi per rilevare, acquisire e classificare le informazioni rilevate dagli asset collegati.

I sistemi migliori comprendono anche il software e l'hardware necessari per effettuare un monitoraggio dell'energia completo, così da poter:

  • Raccogliere i dati
  • Effettuare una rendicontazione regolare sul consumo
  • Avere informazioni operative

Avere un supporto completo per il personale

Gli asset manager, i responsabili delle strutture e altre persone all'interno della propria azienda potranno imparare rapidamente ad interpretare le letture del sistema e a delineare un percorso per una pronta reazione. Questo è possibile con il supporto del fornitore della soluzione e con i servizi della scienza dei dati. L'assistenza è flessibile, quindi si può chiamare per avere un supporto fino al raggiungimento della competenza interna necessaria.

In breve

La gestione dell'energia inter-house permette di:

  • Eliminare l'esigenza di assumere altro personale
  • Risparmiare denaro per una formazione extra
  • Creare una trasparenza completa tra i team di gestione dell'energia in-house e out-of-house
  • Creare abilità e competenze preziose in-house che possono essere sfruttate liberamente
  • Cogliere opportunità per apportare miglioramenti operativi, minimizzando i rischi imprevisti
  • Migliorare l'efficienza operativa
  • Ridurre i costi energetici
  • Ridurre l'impronta energetica della vostra azienda

In sostanza, fornisce un processo migliore per gestire la vostra energia. Implementando un sistema come questo, si può vedere un significativo ritorno sugli investimenti entro tempi brevi, senza esporre la vostra azienda a costose implementazioni e manutenzione di sistema.