1. Home
Blogpost

Energy insight: l’ingrediente segreto per il Food & Beverage

Le aziende dell’industria alimentare e delle bevande possono ottenere grandi benefici dall'utilizzo dell'intelligenza energetica, bilanciando redditività e sostenibilità.

L’industria del Food & Beverage sta vivendo un’era di cambiamenti senza precedenti, guidata dai progressi tecnologici, da un nuovo contesto globale e da una trasformazione di tutta la catena di fornitura, che richiede resilienza ed efficienza in tutto il comparto. L’aumento dei costi delle materie prime, dell’energia e della manodopera, la stagnazione dei redditi dei consumatori, l’intensa concorrenza e la pressione sui prezzi da parte dei rivenditori al dettaglio, fanno sì che i margini di guadagno nell’industria alimentare e delle bevande siano sempre più ristretti.

In questo nuovo contesto, la pressione sulle aziende del settore per ridurre al minimo gli sprechi e massimizzare le risorse non è mai stata così forte. Le aziende alimentari devono soddisfare le crescenti richieste da parte dei regolamenti internazionali e dei consumatori e in futuro dovranno nutrire una popolazione globale che, secondo le previsioni, passerà da 7,8 miliardi di persone nel 2020 a 9,7 miliardi nel 2050.

I consumatori, inoltre, si aspettano sempre più spesso che le aziende dimostrino un autentico impegno verso la sostenibilità e scelgono marchi e prodotti in base alle credenziali ambientali dei brand. Chiedono anche opzioni più salutari, ‘free-from’ e a base vegetale, mettendo a dura prova la catena del freddo, che deve garantire la sicurezza degli alimenti deperibili.

Lungo tutta la catena di fornitura, le aziende dell’industria alimentare si affidano ad asset critici e ad alta intensità energetica, notoriamente volubili in termini di prestazioni. Sempre più spesso queste aziende si rivolgono a sistemi di gestione dell’energia (EMS) di nuova generazione per monitorare gli asset critici e garantire l’efficienza operativa, le prestazioni e per prevenire il rischio di costosi tempi di fermo macchina.

Nel nostro nuovo whitepaper, ‘Energy insight: l’ingrediente segreto per il Food & Beverage', esploriamo le sfide che il settore Food & Bev deve affrontare oggi e illustriamo come queste aziende possono ottenere prestazioni migliori, salvaguardare la qualità dei prodotti e rafforzare il loro brand con un uso più intelligente dell’energia. Dimostriamo, inoltre, come la gestione energetica possa essere la chiave per bilanciare la redditività e la sostenibilità attraverso una tecnologia di sensori wireless, non invasiva, che fornisce informazioni utili e di immediato valore pratico sull’energia: un ingrediente segreto di cui le aziende hanno bisogno per aumentare l’efficienza operativa, ridurre i costi e garantire le prestazioni delle loro apparecchiature.

Scopri come le aziende del Food & Beverage possono utilizzare i dati sul proprio consumo di energia per ridurre i costi, migliorare le prestazioni operative e aumentare l’efficienza.

Le sfide energetiche dell'industria alimentare

In ogni segmento dell’industria Food & Bev – dai coltivatori alla produzione, dallo stoccaggio alla catena del freddo, dalla distribuzione alla vendita al dettaglio – i ristretti margini di profitto sono ormai, spesso, accettati come una parte inevitabile del business. Per migliorare e massimizzare i propri profitti, il settore deve affrontare le seguenti sfide energetiche:

  • i costi elevati dei processi ad alta intensità energetica
  • la necessità di massimizzare l'efficienza e ridurre al minimo gli sprechi
  • i prodotti deperibili che rendono i guasti costosi
  • la maggiore automazione dei processi che aumenta la dipendenza dalle apparecchiature
  • la crescente attenzione alla sostenibilità energetica.

La gestione dell'energia ha un ruolo fondamentale

La via più accessibile per ottenere maggiori profitti per le aziende dell’industria alimentare e delle bevande è la riduzione dei costi operativi - compresa l’energia. Ottenere visibilità sull’uso e il consumo dell’energia può essere la chiave per bilanciare la redditività e la sostenibilità, e una gestione energetica proattiva e responsabile può fornire informazioni utili per aiutare le aziende ad affrontare 3 aree chiave:

  1. aumentare l'efficienza della produzione per migliorare i margini ristretti
  2. migliorare la resilienza per ridurre i tempi di inattività e proteggere la qualità degli alimenti
  3. migliorare le prestazioni ambientali e l'agilità aziendale per un futuro più sostenibile

Secondo la nostra ricerca, le aziende leader utilizzano sempre di più i propri dati energetici per trasformare il business e accelerare il proprio percorso verso l’efficienza energetica, la resilienza e la sostenibilità. Il 76% delle imprese sostenibili utilizza i dati raccolti da sensori e dispositivi intelligenti per migliorare il proprio processo decisionale e il 45% delle aziende sostenibili sta trasformando i dati energetici in miglioramenti specifici e concreti.

Soluzioni di energy insight: la ricetta per il successo

Un problema importante per molte aziende dell’industria alimentare è la mancanza di visibilità su come l’energia viene effettivamente utilizzata in tutto lo stabilimento, impedendo di individuare le attuali inefficienze. È qui che le soluzioni di energy insight possono essere preziose. Soluzioni avanzate di analisi, mediante sensori, individuano esattamente il modo in cui l’energia viene utilizzata, fino al livello del singolo dispositivo - identificando le aree chiave da affrontare per migliorare l'efficienza operativa.

I nostri sensori non intrusivi, wireless e autoalimentati Panoramic Power vengono installati senza alcuna interruzione delle attività operative dell’azienda. Il processo di installazione è estremamente semplice e veloce, perché i sensori si agganciano facilmente al filo elettrico in uscita che alimenta ogni dispositivo.

Oltre a eliminare i costi di un eccessivo consumo di energia, un’attività di analisi del proprio consumo energetico consente di avere una visibilità migliore per ottimizzare le prestazioni delle apparecchiature e diminuire le possibilità di guasti.

Identificare in modo proattivo le apparecchiature che non funzionano correttamente, inoltre, consente alle aziende di prendere decisioni più informate e di misurare il ROI dei beni acquistati, valutando l’input di energia richiesto.

Trasformare le sfide in opportunità

La costante necessità di ridurre i costi, aumentare i margini di profitto troppo ristretti e soddisfare una popolazione in crescita con pressanti richieste da parte di consumatori e le autorità di regolamentazione, sta pesando sull’industria alimentare e delle bevande come mai prima d’ora. Ma ora,diversamente dal passato, è possibile affrontare queste sfide con una tecnologia per tagliare i costi energetici, ridurre il consumo di energia, aumentare le prestazioni operative e prolungare la longevità delle apparecchiature esiste. È solo questione di scegliere di utilizzarla e trasformare le sfide in opportunità.