Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Un migliore utilizzo dell'energia può aumentare l'efficienza produttiva nel Food & Beverage

L'energia rappresenta il 15% dei costi operativi per i produttori del Food & Beverage, la possibilità di ridurre la pressione sui margini è evidente

È un momento difficile per i produttori del Food & Beverage a causa del continuo aumento dei costi, della difficoltà di trovare le giuste competenze, dell'emergere di nuovi e più agili concorrenti e di consumatori con un potere d'acquisto sempre più basso. Con i margini del settore attualmente pari al 5,3%, rispetto a una media storica del 6,3% e un valore dell'energia solitamente pari al 15% dei costi operativi, l'efficienza energetica deve rappresentare senza dubbio un obiettivo primario.

I produttori sono consapevoli dei problemi esistenti. Il 56% di essi, infatti, ritiene che investire in tecnologie per l'efficienza energetica sia "molto importante" per la propria attività. Ma c'è chiaramente del lavoro da fare per trasformare questa convinzione in azioni concrete.

Le pressioni sono in aumento

Alle pressioni economiche sottostanti, come l'aumento e la volatilità dei costi delle materie prime e della manodopera e al crescente numero di consumatori con potere d’acquisto limitato, si aggiungono le ricadute politiche della Brexit nel Regno Unito e il protezionismo negli Stati Uniti. Il 57% dei produttori di Food & Beverage del Regno Unito afferma di avere difficoltà ad assumere, mentre negli Stati Uniti il 47% dichiara che la disponibilità di lavoratori qualificati è la più grande minaccia alla redditività. 

Le difficoltà relative alle competenze aumentano il livello di attenzione dedicata all'automazione, così come la pressione incessante legata all'innovazione: i margini e i budget delle spese stanno sostenendo questa pressione. Dato che i prezzi dell'energia sono imprevedibili e probabilmente aumenteranno, diventa fondamentale migliorare l'efficienza energetica. L’utilizzo sempre più frequente di tecnologie d’intelligenza artificiale e IoT rendono indispensabile la fornitura di energia flessibile ed efficiente. Tuttavia, munirsi di impianti energetici vecchi e inefficienti rappresenta ancora una consuetudine.

Inizia da qui, inizia ora

Quando si tratta di risparmiare energia e ridurre i costi, ci sono moltissimi vantaggi immediati che si possono raggiungere facilmente. La sostituzione del vecchio sistema di illuminazione con un sistema a LED può migliorare l'efficienza energetica fino al 90%. Nonostante questo, e il fatto che con un sistema di illuminazione a basso consumo energetico è possibile ottenere fino al 75% di risparmio energetico, solo il 21% dei produttori di Food & Beverage del Regno Unito afferma di averne implementato uno in tutte o gran parte delle proprie sedi. L'installazione di sensori di movimento che assicurano che le luci siano accese solo quando necessario permette risparmi pari al 30%.

L'utilizzo di un efficace sistema di misurazione e monitoraggio consente di ottenere facilmente un risparmio del 10%

Esiste una vasta gamma di soluzioni che consente di ridurre fin da subito e per sempre il consumo energetico e i costi. Si tratta di semplici accorgimenti come un'adeguata manutenzione dei sistemi di refrigerazione, l'implementazione di una gestione “on-demand” dei compressori d'aria e di regolari interventi di manutenzione sugli impianti. Si possono ottenere molti vantaggi dalle nuove tecnologie, sia che si tratti di tecnologie di generazione come l'energia solare e la cogenerazione, sia che si tratti di strumenti di analisi energetica che consentono di evidenziare il consumo energetico fino al livello del dispositivo, permettendo di attuare azioni correttive.

La cogenerazione consente una riduzione dei costi dell’energia fino al 40%, con un recupero del capitale in 2-4 anni. Un'unità di cogenerazione che abbiamo installato in uno dei più grandi panifici industriali britannici, consente un risparmio pari a € 440.000 e la riduzione di oltre mille tonnellate di emissioni di carbonio all'anno, mentre i sensori installati presso un altro produttore del Regno Unito, per segnalare errori nei compressori di raffreddamento, hanno permesso una ricalibrazione che fa risparmiare € 126.500 all'anno.

Risparmiare denaro, incrementare i margini

Abbiamo lavorato intensamente con i principali produttori del Food & Beverage per aiutarli a capire dove viene consumata la loro energia, consentendo loro di attuare un'azione correttiva che incrementi l'efficienza. Contribuiamo a garantire un approvvigionamento energetico flessibile e affidabile per supportare una maggiore automazione e l'utilizzo di tecnologie di intelligenza artificiale avanzata e IoT. Li aiutiamo inoltre a implementare e sfruttare in modo ottimale i più recenti sviluppi tecnologici, a costi contenuti, con tecnologie di generazione e consumo energetico efficiente, che consentono di alleviare la pressione sui margini e di ottenere risparmi continui anno dopo anno.

Il nostro white paper fornisce ulteriori informazioni su come possiamo aiutartvi a implementare le modifiche dei processi e sfruttare appieno il potenziale delle nuove tecnologie al fine di ridurre il consumo energetico, le bollette e ricostruire i vostri margini.