Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Le implicazioni energetiche dell'adozione di veicoli elettrici per le flotte aziendali

L’adozione di infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici (EV) richiede un nuovo approccio alla gestione dell’energia in azienda.

Il numero dei veicoli elettrici sulle strade è in continuo aumento e, anche per questo motivo, le aziende sono sempre più attente e interessate a verificare come implementare delle soluzioni per integrare il trasporto sostenibile. Per le imprese, sia che siano focalizzate sul fornire le stazioni di ricarica nei luoghi di lavoro per i propri dipendenti e clienti, sia che abbiano l’obiettivo di trasformare la propria flotta di veicoli aziendali, il passaggio all’elettrico avrà un considerevole impatto sulla quantità di energia che l’azienda utilizza e su come questa viene gestita.

I gas nocivi dei veicoli che guidiamo sono una delle maggiori fonti emissive di gas serra in Europa e rappresentano le emissioni Scope 3, dovute all'attività indiretta dell'azienda, considerate le più complesse da ridurre perché non sotto diretto controllo aziendale.

Secondo una ricerca dell’Unione Europea, tra tutte le emissioni di gas serra, il trasporto su strada impatta sull’ambiente a livello europeo per circa il 25%, un dato che ben rappresenta la necessità che questo settore cambi rapidamente per rispettare gli impegni che tutti i governi nazionali stanno prendendo sul fronte climatico.

Secondo i dati di AutoScout24 e UNRAE, inoltre, più di due terzi (il 67%) dei consumatori che stanno valutando l’acquisto di un’auto ritiene l’impatto ambientale un aspetto importante nella valutazione all’acquisto, un dato che arriva fino al 75% tra chi acquista una vettura nuova.

Un’ulteriore spinta arriva dalla recente campagna di rottamazione, sostenuta dagli incentivi governativi per la fascia di emissioni 61-135 g/Km, come riporta lo Smart Mobility Report 2020, che ha consentito di rottamare in 3 mesi e mezzo circa 186.000 vetture obsolete, riducendo di 115.000 tonnellate all’anno le emissioni di CO2.

Dal 1990 a oggi, le emissioni totali di gas serra in Europa sono diminuite. Affinché l’Italia continui a fare progressi verso l’obiettivo del Net Zero, è necessario cambiare radicalmente la natura dei trasporti, sia per i cittadini che per le aziende.

Rendere la mobilità sostenibile una realtà

La necessità di maggiori quantità di energia da parte delle aziende può comportare l’aggiornamento dell’infrastruttura che fornisce energia o l’implementazione di nuove soluzioni per generarla on site. Un recente eBook che abbiamo realizzato sul mercato dei veicoli elettrici mostra come il 77% delle aziende a livello globale stia già esplorando le opzioni per una mobilità sostenibile. Questo dato emerge dalle interviste condotte con 1.500 aziende a livello internazionale, che sono sempre più consapevoli dell’importanza che anche il settore del trasporto cambi rapidamente per rispettare gli impegni sul clima.

In Italia, il 43% delle aziende ha in programma di implementare l’infrastruttura e il software di ricarica dei veicoli elettrici in tutta l’azienda o in parte di essa nel corso dei prossimi 2 anni. Passare a una mobilità sostenibile è un modo per ridurre la propria carbon footprint, ma anche per comunicare ai propri clienti che stanno scegliendo un’azienda green.

È fondamentale che il funzionamento dell’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici sia senza soluzione di continuità e protetta, in modo da non incidere sull’esperienza del conducente. Il tempo di inattività, infatti, può avere un impatto diretto sul business e il rischio di un’interruzione di corrente deve essere pienamente valutato e devono essere prese appropriate misure per garantirne la resilienza.

Rendi sostenibile la tua azienda con la mobilità elettrica a zero emissioni.

La necessità di un controllo efficace

Affinché le aziende raggiungano la flessibilità e la resilienza di fornitura richieste, hanno bisogno di ottenere maggiore controllo sull’utilizzo, sulla produzione e sullo stoccaggio dell’energia. Questo è possibile:

  • Aggiornando la fornitura dell’energia on-site con una connessione potenziata alla rete, così da avere nuovi requisiti di alimentazione;
  • Installando soluzioni di generazione di energia in sito, che consentono di ridurre la dipendenza dalla rete elettrica, aumentare la resilienza e la flessibilità, ridurre i costi dell’energia e, nel caso degli impianti fotovoltaici, generare energia 100% green;
  • Predisponendo lo stoccaggio on-site delle batterie per garantire una fornitura costante di energia a fronte di una rete sempre più instabile, all’aumento della quota di energia richiesta e alla generazione intermittente di energia rinnovabile.

Inoltre, si dovrebbe prendere in considerazione il futuro per l’utilizzo dell’energia immagazzinata nei veicoli elettrici per generare reddito attraverso iniziative Vehicle-to-Grid (V2G). Queste, infatti, incentivano i proprietari di veicoli elettrici e gli operatori delle flotte a effettuare la ricarica dell’auto durante le ore di bassa domanda, per poi vendere l’energia in eccesso che hanno immagazzinato quando la domanda sarà più alta.

La strategia energetica è una strategia EV

Le aziende che implementano una soluzione di ricarica per i veicoli elettrici, oltre a ripensare alla propria strategia energetica, necessitano di affrontare altre questioni affinché si possano massimizzare i benefici.

È importante infatti:

  • Avere una visione completa dell’impatto economico totale derivato sia dai veicoli classici a combustione interna, sia per i nuovi elettrici;
  • Possedere una chiara visione del numero di conducenti e veicoli, dei chilometri percorsi in media ogni giorno e se sono pronti, e quando, per la transizione elettrica;
  • Studiare i tragitti che una flotta di veicoli elettrici è in grado di compiere, a causa dei limiti di autonomia, i tempi di ricarica e la disponibilità di stazioni nel percorso;
  • Comprendere il panorama normativo così da trarre il massimo vantaggio dagli incentivi disponibili;
  • Considerare come rendere la soluzione che si è implementata a prova di futuro;
  • Ottenere il buy-in in tutta l’azienda per garantire un’adeguata adozione delle colonnine di ricarica per veicoli elettrici;
  • Garantire che ogni rischio associato ai veicoli elettrici (componenti ad alta tensione, stoccaggio, etc.) sia identificato e gestito con efficacia.

I vantaggi della mobilità sostenibile in azienda

Dotare l’azienda di stazioni di ricarica per veicoli elettrici è un modo per ridurre la propria carbon footprint, migliorare la sostenibilità e la conformità ambientale, ma anche migliorare la propria immagine e ridurre i costi. Le aziende che abilitano soluzioni per i veicoli elettrici migliorano la reputazione del brand, dimostrando una leadership green e credenziali di sostenibilità più forti, con evidenti vantaggi in termini di fidelizzazione dei clienti, attrattività per potenziali nuovi assunti e soddisfazione dei dipendenti.

Le aziende che si rivolgono ai consumatori, inoltre, e in particolare quelle del retail e del tempo libero, possono monetizzare le proprie strutture di ricarica per creare un nuovo flusso di reddito, perché avere la ricarica on-site consente anche di incoraggiare i clienti a trascorrere più tempo nei negozi, con conseguente aumento delle spese.

L'elettrificazione dei trasporti, inoltre, può sbloccare l'opportunità di integrare l'infrastruttura di veicoli elettrici con soluzioni di energia distribuita e rinnovabile, come gli impianti fotovoltaici o la cogenerazione, che possono ridurre ulteriormente i costi energetici e migliorare la sostenibilità in tutta l’azienda.

La transizione energetica offre alle aziende nuove opportunità. Sempre più aziende avviano un processo di decarbonizzazione attraverso una corretta gestione dell'energia, abbracciano nuove tecnologie come i sistemi energetici decentralizzati (70%) e la generazione, l’uso e la gestione flessibile dell’energia attraverso strumenti come i mercati locali dell’energia, i mercati di demand response e/o le centrali elettriche virtuali (60%).

E come azienda che detiene la 3° flotta più grande del Regno Unito consociamo bene l'importanza di passare a un trasporto sostenibile. Per questo Centrica Business Solutions ha avviato già da tempo un programma di sostituzione completa del parco vetture aziendali, formato da oltre 12.000 unità, che entro il 2025 diventerà totalmente elettrico.

La soluzione che abbiamo pensato per il mercato dei veicoli elettrici è composta da un ecosistema semplice e integrato, che consente di implementare un’infrastruttura per i veicoli elettrici, completa di hardware di ricarica, software intelligente per la gestione dell’energia della colonnina, sito aziendale e app mobile per supportare i guidatori. Una combinazione di prodotti e servizi innovativi per aiutare a rendere la transizione verso il trasporto elettrico più semplice, più veloce e più conveniente.

Tagged with: