Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

I rischi per le aziende che non progrediscono verso la sostenibilità

Oggi giorno la sostenibilità economica e ambientale è sempre più al centro delle strategie aziendali. Le aziende che non registrano progressi in questa direzione vanno incontro a una serie di rischi.

Fra tutti i rischi che possono minare il futuro delle aziende, il cambiamento climatico sembra stia diventando quello più urgente e complicato. L'ONU avverte che il mutamento del clima rischia di sconvolgere le economie di numerose nazioni e che è necessario accelerare gli interventi per ridurre le emissioni di CO2. Non a caso, l’obiettivo di raggiungere la neutralità entro il ventunesimo secolo, stabilito con l’Accordo di Parigi, si fa più che mai necessario e pressante ed è proprio l'Unione Europea, oramai due anni fa, ad aver dichiarato l'obiettivo di diventare neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO2 entro il 2050.

L’operato dei governi e delle istituzioni in questo campo è più che mai strategico, ma il settore privato può svolgere un ruolo prioritario nel raggiungimento di questi obiettivi.

Molte aziende stanno già esplorando le opzioni a loro disposizione per fare la differenza in termini di sostenibilità. Sanno che se non migliorano le proprie credenziali ecologiche possono incorrere in conseguenze significative dal punto di vista organizzativo, finanziario e di reputazione del brand, ma non solo. Dietro la mancanza di una strategia orientata alla sostenibilità si celano rischi in grado anche di minare la continuità aziendale.

È importante, dunque, che le aziende considerino non solo i vantaggi strategici derivanti dall'implementazione delle più recenti innovazioni tecnologiche sostenibili, ma anche i rischi a cui sono soggette se non intraprendono un percorso verso la sostenibilità.

1. Rischi legati all'interruzione del business

I sistemi energetici sono sempre meno centralizzati e la dipendenza da poche grandi centrali elettriche alimentate da combustibili fossili sta diminuendo. Diventa sempre più diffusa la flessibilità fornita dalla generazione di energia rinnovabile prodotta on site, in grado di garantire alla propria azienda una fornitura energetica continua. I dirigenti aziendali riconoscono l'importanza di questo fattore, indicando la mancanza della sicurezza energetica tra i primi tre rischi per le loro attività.

Con l'aumento della domanda globale di energia, la crescente instabilità della rete dovuta al deterioramento delle infrastrutture e l'aumento dei costi del carburante, il futuro della fornitura tradizionale di energia appare tutt'altro che sicuro. Garantire una fornitura di energia stabile è fondamentale nel panorama energetico di oggi. Il costo di una interruzione nella fornitura di energia può ammontare al 17% delle entrate annuali. Essere indipendenti da un punto di vista energetico garantisce la sicurezza dell'approvvigionamento; diventa, pertanto, chiara l'opportunità di ridurre la propria dipendenza dalla rete e la resilienza delle infrastrutture.

È importante disporre di una strategia energetica dettagliata che definisca obiettivi per la resilienza energetica. Attualmente, solo circa la metà delle aziende che consideriamo "sostenibili" ha già adottato una strategia energetica a basse emissioni di carbonio. Per le altre aziende la percentuale scende fino al 24%.

Le tecnologie di energia distribuita, come la cogenerazione, possono offrire una maggiore efficienza e contribuire alla crescita. Questa tecnologia è una vera opportunità per le aziende che vogliono ridurre la propria dipendenza dalla rete e assicurarsi la continuità operativa.

2. Rischi reputazionali

I consumatori si aspettano sempre più spesso che le aziende dimostrino un autentico impegno verso la sostenibilità e scelgono marchi e prodotti in base alle credenziali ambientali dei brand. È quindi ormai evidente che soddisfare la domanda di clienti sempre più attenti all'ambiente, comporti una grande opportunità finanziaria.

Le aziende sostenibili hanno una chiara strategia su come l'energia possa contribuire ai valori della propria azienda. L'installazione di un sistema solare, ad esempio, è una testimonianza visibile dell'impegno di un'azienda nei confronti dell’ambiente e della responsabilità di impresa. L'energia solare è al 100% sostenibile, affidabile ed economica ed è la soluzione più adatta per le aziende che desiderano ridurre sia i costi energetici che le emissioni di CO2.

3. Rischi di arretratezza

Nell'economia odierna, nessuna azienda può permettersi di rimanere ferma. È importante continuare a progredire e a migliorare i prodotti e i servizi che l'azienda fornisce ai clienti. L'innovazione continua fa bene al business, e spesso crea nuove opportunità che possono migliorare il modo in cui opera l'azienda.

Si prevede che le aziende che cresceranno di più nei prossimi 5 anni sono quelle con un approccio più aggressivo alla digitalizzazione. La nostra ricerca rileva che le aziende sostenibili si distinguono per un atteggiamento orientato al futuro e per aver considerato i requisiti energetici di specifiche iniziative di digitalizzazione. Il 55% considera quale sarà l'impatto energetico dell'incremento dell'automazione nei propri processi e valuta come costruire un sistema energetico flessibile.

Dall'intelligenza artificiale alle soluzioni digitalizzate per la gestione dell'energia, le tecnologie "green" possono creare nuove opportunità per le aziende in termini di monetizzazione dei propri asset energetici. Inoltre, le aziende che riesaminano da zero la propria strategia e prendono in considerazione la possibilità di unire le proprie tecnologie energetiche, possono massimizzare i vantaggi commerciali e il ritorno sugli investimenti. È chiaro che le aziende che adottano soluzioni energetiche innovative volte alla sostenibilità possono ottenere un maggior vantaggio competitivo, mentre quelle che non utilizzano queste nuove opportunità rischiano di rimanere indietro.

4. Rischi economici e normativi

Soprattutto in un momento di incertezza economica come quello attuale, le aziende italiane stanno vivendo un’era di cambiamenti senza precedenti, guidata dai progressi tecnologici, da un nuovo contesto globale e da una trasformazione di tutta la catena di fornitura a livello mondiale, che richiede resilienza ed efficienza. A vario titolo e nei diversi settori di mercato, l’aumento dei costi delle materie prime, dell’energia e della manodopera, la stagnazione dei redditi dei consumatori, l’intensa concorrenza, spesso internazionale, e la pressione sui prezzi da parte dei rivenditori al dettaglio fanno sì che i margini di guadagno siano sempre più ristretti. In questo nuovo contesto, la pressione sulle aziende per ridurre al minimo gli sprechi e massimizzare le risorse non è mai stata così forte.

La transizione verso un modello di business sostenibile, inoltre, può aiutare a preparare l’azienda a future modifiche normative. Man mano che i regolamenti in tema di ambiente diventano più rigorosi, infatti, le aziende non conformi possono subire un calo delle entrate.

In questo senso, il monitoraggio continuativo del consumo di energia consente di capire dove si trovano realmente i costi. Collegando sensori wireless autoalimentati alle apparecchiature che consumano energia, è possibile monitorare l'utilizzo di energia in tempo reale. I sensori usano la potenza della tecnologia Internet of Things (IoT) per trasformare macchinari e attrezzature in dispositivi intelligenti e trasmettere queste informazioni a una piattaforma di analisi online. Ciò consente di ottimizzare le prestazioni, aumentare l'efficienza e individuare potenziali guasti delle apparecchiature prima che questi si verifichino, aiutando a gestire meglio i costi energetici e le emissioni di CO2.

La cogenerazione, inoltre, oltre ad aumentare l’affidabilità dell'approvvigionamento energetico, riduce i costi dell’energia fino al 40%. Fin dal primo giorno in cui l’impianto di cogenerazione è attivo e funzionante, è possibile ottenere risparmi generando energia elettrica a costi significativamente inferiori rispetto all’attuale contratto di fornitura.

Prepararsi al futuro

In un mercato competitivo, le aziende che definiscono chiaramente la propria strategia energetica e investono nelle più recenti innovazioni tecnologiche si troveranno nella posizione migliore per raggiungere i propri obiettivi ambientali, ottenere un vantaggio competitivo e preparare le proprie attività per il futuro. Al contrario, le aziende che non adottano queste innovazioni potrebbero rimanere indietro e correre il rischio di sprecare non solo energia ma anche denaro, rallentando inoltre il proprio percorso verso un futuro più sostenibile.

Per avere maggiori approfondimenti su come rendere il tuo business a prova di futuro e bilanciare il successo commerciale con la responsabilità ambientale, scopri di più sul nostro percorso vero il Net Zero. 

Bilanciare il successo commerciale con la responsabilità ambientale per rendere il business a prova di futuro e raggiungere il Net Zero