Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Finanziare progetti a basse emissioni di CO2: alcune considerazioni

Analizziamo i passi da compiere per finanziare dei progetti di riduzione della CO2, che garantiscano all'azienda di soddisfare sia gli obiettivi economici e finanziari sia quelli ambientali.

Molte aziende prevedono nel proprio budget annuale piccoli investimenti dedicati a progetti di efficienza energetica, al fine di rendere il proprio patrimonio energetico più efficiente in termini di costi, resilienza e sostenibilità. Tuttavia, i semplici progetti di efficienza spesso non hanno un impatto sufficiente sulla riduzione delle emissioni di CO2. Per raggiungere gli ambiziosi obiettivi di Net Zero, le aziende devono implementare una gamma più ampia di soluzioni e tecnologie. Ma cosa si può fare se non si dispone di capitale?

La buona notizia è che l'accesso ai finanziamenti si fa sempre più facile e ampio: la vera sfida per gli Energy Manager ora è capire a quale riserva di denaro accedere.

Diamo un'occhiata più da vicino agli step che è necessario seguire e alle principali considerazioni da fare per finanziare un’iniziativa a basse emissioni di carbonio in azienda.

1. Allineare gli obiettivi finanziari con la sostenibilità

Il Covid-19 non ha avuto un impatto uniforme sulle aziende. Alcune stanno progredendo con un buon ritmo, ma altre, purtroppo, continuano a lottare contro l’incertezza economica. La maggior parte delle aziende è focalizzata sui profitti e si trova necessariamente a dover bilanciare le proprie ambizioni di sostenibilità con gli obiettivi finanziari.

La nostra ricerca ha rivelato che l'89% delle aziende concorda che dimostrare il proprio impegno per la sostenibilità sarà strategico per l’immagine del proprio brand entro il 2025. 

Negli ultimi 2-3 anni, infatti, abbiamo assistito ad un enorme cambiamento, che ha visto le aziende avere un’accresciuta sensibilità nei confronti dell'ambiente. Sempre più dipendenti, consumatori, investitori e governi, infatti, stanno ponendo maggiore enfasi sulla responsabilità ambientale e richiedono alle aziende un maggior impegno.

Tuttavia, ben il 70% delle aziende intervistate afferma di aver bisogno di competenze tecniche e commerciali per realizzare le opportunità di crescita a cui l’energia può dar accesso. E se storicamente le aziende si sono preoccupate principalmente della riduzione della spesa energetica - aspetto che certamente continua ad essere prioritario - oggi il focus sulla sostenibilità rappresenta un nuovo obiettivo per il futuro.

E, poiché il costo dell’energia ecologica, come ad esempio l'energia solare, comincia a diminuire, ora più che mai la giusta scelta finanziaria è anche la giusta scelta ambientale.

2. Assicurarsi che la strategia sia scalabile

Molte aziende sono indecise su quale strategia adottare tra un approccio ‘rischia tutto' e una strategia 'pilota'. Molte infrastrutture energetiche, infatti, hanno un buon successo commerciale nella fase pilota, ma non funzionano quando vengono scalate. Pertanto, è necessario essere pronti a impegnarsi in una strategia di decarbonizzazione a lungo termine e pianificare la fase iniziale con lungimiranza.

Non è possibile raggiungere gli obiettivi di Net Zero da un giorno all'altro, si tratta di un impegno a lungo termine che probabilmente coinvolgerà anche progetti differenti. Per questo, una delle maggiori sfide che le aziende devono affrontare è gestire il disallineamento interno. In alcune aziende, infatti, il team finanziario è escluso dagli obiettivi strategici di decarbonizzazione, ma solo con il giusto allineamento tra l’Energy Manager e il team finanziario è possibile intraprendere un percorso di decarbonizzazione di successo.

Dalla nostra indagine abbiamo rilevato che il 63% delle aziende sostenibili ha una strategia dettagliata di efficienza e progetti di investimento nell'energia distribuita. Questo richiede una riflessione preventiva sulla complessità della strategia finanziaria, la durata potenziale del contratto e la possibilità di essere legati ad un partner.

Trendcolor è alimentata al 100% da energia rinnovabile, con un impianto fotovoltaico finanziato che riduce i costi di 50K€ all'anno

3. Valutare la propensione al rischio

L’approccio al rischio determina le tempistiche per finanziare la strategia. Per esempio, le aziende che sono disposte ad assumersi più rischi avranno probabilmente tempi più lunghi e con finanziamenti a lungo termine è possibile accedere alle tecnologie che potenzialmente si riveleranno una risorsa in futuro. Per questo è importante avere una visione chiara dell’approccio al rischio e decidere quanto si è disposti a spendere dai propri fondi. Se si sceglie un finanziamento a lungo termine, bisogna, inoltre, essere chiari sugli obiettivi, perché può limitare il flusso di cassa mensile. 

È importante, infine, considerare il quadro generale del percorso dell’azienda. Il finanziamento di una strategia di decarbonizzazione, infatti, deve essere affrontato da una prospettiva completa di portafoglio e non come un singolo investimento, valutando se accedere a più finanziamenti fornirà un valore sufficiente e aiuterà a raggiungere prima gli obiettivi di Net Zero.

4. Esplorare le varie opzioni di finanziamento

Le nuove tecnologie energetiche riescono a ridurre i costi dell’energia delle aziende e, soprattutto, a ridurre le loro emissioni di CO2. Il nostro Report Distributed Energy Future Trends ha rilevato che il 73% delle aziende concorda che ricorrere a nuove tecnologie e migliorare le pratiche operative consente una maggiore efficienza. Tuttavia, l'implementazione delle tecnologie può avere un costo iniziale alto e le aziende spesso non hanno i mezzi finanziari o la voglia di investire direttamente il proprio capitale.

Centrica Business Solutions aiuta queste aziende a distribuire il costo dell'implementazione di un'infrastruttura energetica attraverso opzioni di finanziamento dirette, personalizzate e flessibili. Attualmente stiamo supportando migliaia di aziende in tutto il mondo, aiutandole a superare le barriere all'investimento. 

Il contratto Discount Energy Purchase (DEP) di Centrica Business Solutions, ad esempio, finanzia gli impianti di generazione di energia e calore on site. Finanziamo completamente la progettazione, l’installazione e la manutenzione di un impianto di cogenerazione, senza oneri aggiuntivi da parte del cliente diventando un vero e proprio fornitore di energia autoprodotta in sito, con una tariffa inferiore rispetto a quella che il cliente corrisponderebbe al tradizionale fornitore di rete. Durante la durata del contratto, dunque, il cliente paga un tasso unitario fisso p/kWh per l'elettricità generata, compresa la manutenzione. Il cliente garantisce esclusivamente l’acquisto dell’energia elettrica prodotta dal cogeneratore e il gas da esso consumato, mentre l’energia termica e quella frigorifera saranno gratuite. La selezione dei fornitori di gas ed energia elettrica, inoltre, rimane a completa discrezione del cliente.

Un altro esempio è il nostro Power Purchase Agreement (PPA), che finanzia la generazione di energia rinnovabile in sito mediante un impianto solare per un periodo fino a 25 anni. Questa opzione utilizza un unico accordo che comprende l’impianto, il finanziamento e il funzionamento. Centrica Business Solutions progetta la soluzione e la installa presso il sito del cliente, che paga solo l'energia elettrica generata dal sistema per la durata del contratto, a un prezzo per kWh inferiore rispetto ai prezzi delle utenze. 

Come ottenere un finanziamento

Valutare le diverse opzioni di finanziamento presenti sul mercato può sembrare un compito scoraggiante. Ecco perché noi di Centrica Business Solutions offriamo una gamma di opzioni a investimento zero che consentono di implementare infrastrutture energetiche avanzate, senza alcun esborso di capitale iniziale.

Scopri come possiamo aiutarti con il nostro approccio Energy Pathway, che ti consente di definire la giusta strategia energetica, stabilire gli obiettivi e identificare le possibili opportunità.