Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
News post

Centrica tra le aziende leader nella lotta al cambiamento climatico

Centrica plc, per il secondo anno consecutivo, è entrata nella Lista A di CDP delle organizzazioni più attive sul fronte della lotta al cambiamento climatico, collocandosi tra le prime 12 aziende del proprio settore a livello globale.

Il rapporto annuale World Top Green Business di CDP, presentato all’annuale World Economic Forum di Davos, ha riportato la lista delle organizzazioni più attive sul fronte della lotta al cambiamento climatico,  la deforestazione e lo spreco idrico. Il report ha dichiarato che 140 aziende su 6.800 intervistate (“solo” il 2%) rientrano nella Lista A, ossia hanno ottenuto il massimo punteggio prendendo in considerazione parametri quali trasparenza, obiettivi, consapevolezza dei rischi e delle opportunità in ambito ambientale.

Oltre 120 organizzazioni, tra cui Microsoft, China Mobile, Danone, Klabin e Infosys Limited, hanno ottenuto il riconoscimento per il loro impegno sulla sfida al cambiamento climatico, vedendo in testa Sainsbury's e Unilever come leader nella lotta delle imprese contro tali cambiamenti; 27 imprese si sono distinte per interventi volti al recupero e alla tutela delle acque impiegate in produzione (aziende come ACCIONA, Ford, Gap e KAO Company); 7 aziende, tra cui Beiersdorf, Tetra Pak e UPM-Kymmene, hanno ottenuto l’inserimento nella Lista A per il loro impegno nel combattere la deforestazione e solo 2 aziende di grandi dimensioni, quali il produttore di profumi svizzero Firmenich e la compagnia francese L’Oreal, hanno ottenuto il massimo punteggio in tutte e tre le categorie.

Centrica plc, per il secondo anno consecutivo, è stata riconosciuta tra le aziende leader sia nella divulgazione sia nella lotta ai cambiamenti climatici, con il punteggio A-. Questo ci colloca tra le prime 26 aziende in UK e tra le prime 12 del nostro settore a livello globale.

Un dato importante da sottolineare è che la divulgazione sta registrando una forte crescita negli ultimi anni: nel 2011, infatti, solo 210 aziende hanno comunicato a CDP, allora noto come Carbon Disclosure Project, le informazioni sul loro impatto climatico. Nel 2016 questo numero è più che decuplicato fino a raggiungere 2.488 imprese.

Tuttavia, mentre il numero di imprese che segnalano i loro impatti sull'acqua e sulle foreste attraverso il CDP continua a crescere costantemente, le informazioni relative al clima hanno raggiunto una sorta di plateau nel 2017, quando si è registrato un calo delle imprese (36 in meno rispetto all’anno precedente) che hanno rivelato i loro impatti climatici.

Nel 2018, tuttavia, le informazioni sono nuovamente salite alle stelle. In totale, 7.035 aziende stanno ora divulgando una qualche forma di informazione ambientale attraverso CDP, con 6.800 aziende che hanno ottenuto un punteggio tra A e D in una o più categorie.