interview-chp-header
  1. Home
  2. > Knowledge Centre
Blogpost

Cogenerazione: le domande che ti sei sempre fatto e a cui nessuno ha mai risposto

Abbiamo raccolto le domande più comuni riguardo a questa soluzione energetica e le abbiamo poste a Nicola Morgese. Dalla sostenibilità della cogenerazione alle sue prospettive future, nessuna 'domanda scomoda' è rimasta senza risposta.

La cogenerazione è un'ottima soluzione per migliorare l'efficientamento energetico aziendale, ma spesso porta con sè diverse obiezioni e timori che frenano le aziende dall'installazione di un impianto presso i propri stabilimenti. In realtà, spesso queste obiezioni sono soltanto dei falsi miti.

Abbiamo raccolto le domande e le obiezioni più comuni riguardo a questa soluzione energetica e le abbiamo poste a Nicola Morgese, nostro Business Developer. Dalla sostenibilità della cogenerazione alle sue prospettive future, Nicola non ha lasciato nessuna 'domanda scomoda' senza risposta.

intervista-morgese

Prima di tutto, ci puoi spiegare in poche parole come funziona la cogenerazione? La vera prima domanda però è un'altra: alcuni definiscono la cogenerazione una tecnologia dalla vita breve.  È davvero così? 

La cogenerazione è una delle tecnologie ad oggi più mature ed efficaci per l'efficientamento energetico, che consente di generare un risparmio energetico e di ridurre i costi operativi all'interno del tessuto industriale. Si tratta di una tecnologia matura perché gli impianti di cogenerazione esistono già da oltre quarant'anni e funzionano con estrema profittabilità, sfruttando la produzione e l'uso contemporaneo di energia elettrica e termica sotto varie forme. Per energia termica si intende vapore, acqua calda o energia frigorifera, che caratterizzano alcuni processi industriali.

La cogenerazione non è una tecnologia dalla vita breve per il semplice motivo che il gas naturale, che oggi è il combustibile principale che utilizziamo nei nostri impianti, presto potrebbe essere sostituito dall’idrogeno, che è il gas del futuro. Questo allungherà sicuramente la vita utile degli impianti di cogenerazione nei prossimi anni.

Per dirla in una battuta: la cogenerazione è una tecnologia matura al servizio del futuro dei processi produttivi!

Hai parlato di gas. Si potrebbe obiettare, visti i recenti trascorsi, che il gas non sia proprio un vettore energetico rassicurante. Prezzo, volatilità, disponibilità della materia prima solo per citare alcuni dei temi più discussi.

Oggi i cogeneratori sono alimentati principalmente a gas naturale. Abbiamo anche dei cogeneratori alimentati a biogas o a biometano, quindi già estremamente sostenibili e in economia circolare al 100%. In futuro, come dicevo, saranno alimentati sempre di più a idrogeno, iniziando con miscele di gas e idrogeno per arrivare ad essere completamente alimentati a idrogeno quando questa tecnologia sarà disponibile su larga scala per il tessuto industriale. 

Tornando al cuore della domanda, il tema del gas è cruciale, perché negli ultimi anni l'industria italiana ha subito moltissimo la volatilità del prezzo di questa materia prima. Questo ha intimorito qualche cliente, in quanto, per come è strutturato il mercato elettrico nazionale, il vettore gas e il suo prezzo sono strettamente connessi al vettore energia elettrica. Infatti, oggi circa il 70% dell'energia elettrica in alcune fasce orarie e in stagioni con poco sole, pertanto con poco apporto di rinnovabile fotovoltaico, raggiunge percentuali di generazione tramite gas molto alte. Questa situazione genera conseguentemente un aumento del prezzo dell'energia elettrica. Paradossalmente, il tempo di ritorno di un impianto di cogenerazione in corrispondenza di valori delle commodities molto alti si riduce drasticamente, quindi riusciamo ad avere anche tempi di ritorno inferiori all'anno per gli impianti con cicli continuativi più grandi e lunghi nel tempo.

Dunque, quello che preoccupa di più oggi l'industria italiana non è tanto il valore assoluto del prezzo del gas, perché è appunto legato a quello dell'energia elettrica, ma la sua volatilità.

E per quanto riguarda la disponibilità del gas?

In passato abbiamo affrontato anche questo tema. Il gas naturale è stato annoverato anche dalla Commissione Europea come combustibile per la transizione energetica. Ricordiamo che il termine transizione vuol dire periodo di passaggio tra uno status quo e una situazione in progetto, che in questo caso è appunto un'alimentazione totalmente sostenibile. Nel frattempo, le nostre industrie devono comunque essere in grado di produrre, possibilmente con costi sempre minori e col massimo dell'efficienza. 

Alcuni studi redatti da prestigiosi centri di ricerca sia a livello europeo che internazionale stimano che il contributo dell'efficienza energetica alla riduzione della CO2 è dato al 32% entro il 2030, mentre il contributo dell'aumento delle rinnovabili è dato al 30%. Ne consegue che, se riuscissimo a mettere al centro della transizione ecologica anche l'efficienza energetica, riusciremmo a fare di più con meno e quindi a utilizzare le risorse nel miglior modo possibile. In altre parole, una risorsa che non è rinnovabile, come il gas, non andrebbe sprecata ma sarebbe usata solo meglio.

La cogenerazione va proprio in questa direzione: è l'unica tecnologia che oggi consente di raggiungere dei rendimenti complessivi in termini di materia prima e di energia primaria consumata anche superiore all’85% o al 90% in alcuni cicli. Non esiste altra tecnologia che oggi abbia queste efficienze in termini di energia primaria consumata. Poi, quando questa energia primaria introdotta nei cogeneratori sarà proveniente totalmente da fonti rinnovabili, quindi dall’idrogeno verde, la transizione sarà compiuta. La cogenerazione, però, continuerà ad avere un senso energetico fondamentale perché anche l'idrogeno verrà utilizzato in modo efficiente e il combustibile sarà ancora più pregiato.

Poi c’è il tema della sostenibilità: il gas è pur sempre un idrocarburo, non proprio un amico della temperatura globale.

Il gas naturale, negli ultimi anni, è stato uno dei vettori dello sviluppo industriale di alcuni paesi, compresa l'Italia, nonché dell'Unione Europea. Ricordiamo che anche la Germania ha basato il proprio sviluppo industriale sulla disponibilità e sul basso costo del gas, in particolare quello russo. Tuttavia, la disponibilità di questo gas, per le note vicende geopolitiche degli ultimi anni, è stata fortemente messa in discussione e questo ha generato instabilità e una serie di manovre correttive da parte di tantissimi governi. Tali manovre non hanno portato alla sostituzione del gas come combustibile, ma alla sostituzione del suo luogo di provenienza. Questo vuol dire che l'Italia, e non solo, è ancora oggi dipendente da questo gas che, pur essendo un idrocarburo, risulta tra gli idrocarburi quello più "pulito".

Questo è un tema sicuramente molto dibattuto, ma oggi, visto che le aziende devono fare i conti con la loro capacità di produrre, questa fonte energetica risulta ancora tra i migliori vettori per approfittare delle opportunità della transizione energetica. La cogenerazione rientra tra queste opportunità e pertanto, se si deve utilizzare il gas per produrre dell'energia elettrica, cogenerare quell'energia onsite ci aiuta a consumarne meno e a ridurne l’impatto.

Per quanto riguarda il costo dell’impianto? C'è qualche modo in cui le aziende possono evitare un grosso esborso di capitale?

Centrica Business Solutions è in grado di realizzare questo tipo di investimento direttamente, permettendo al cliente di godere dei risparmi della cogenerazione senza esborso di capitale iniziale e senza accollarsi il rischio dell'investimento. Noi la chiamiamo cogenerazione interamente finanziata. In questo modo, Centrica si occupa a 360 gradi dello sviluppo della soluzione partendo dallo studio di fattibilità preliminare, che è un po’ il pilastro su cui basare la direzione di investimento per la soluzione energetica. E poi ci occupiamo anche della progettazione, autorizzazione, gestione e ottimizzazione dell'impianto. Le ultime due fasi sono fondamentali, perché la cogenerazione è una soluzione energetica durevole nel tempo e quindi deve avere la possibilità di essere ottimizzata in funzione di quelli che sono i cambiamenti strutturali che l'azienda si trova ad operare nel corso degli anni di durata del contratto.

La nostra opzione totalmente finanziata serve anche per tranquillizzare il cliente sul fatto che la soluzione sarà sempre ottimizzata nel tempo e in grado di garantire il massimo rendimento. Inoltre, in caso di cogenerazione finanziata, Centrica garantisce all’azienda un prezzo di acquisto dell’energia inferiore a quello medio di mercato per tutta la durata del contratto.

3200 impianti realizzati a livello globale e oltre 140 impianti realizzati in Italia, di cui nessuno risulta spento, a dimostrazione che tutti i cicli industriali che serviamo trovano ancora nella cogenerazione fattibilità, profittabilità e capacità di ridurre enormemente la propria dipendenza energetica dalle reti esterne, che porta a una stabilità dei costi energetici.

Hai parlato anche delle soluzioni hydrogen-ready. Però molti pensano che l’idrogeno sia ancora lontano dall’essere una materia prima conveniente e sostenibile. Non è così?

Oggi viviamo una fase di spinta fortissima sul tema dell'idrogeno. Ricordo che ci sono miliardi di euro investiti nei fondi PNRR per lo sviluppo della filiera dell'idrogeno. Questo gas è noto, ma ancora molto costoso. La maggior parte dell'idrogeno generato oggi per usi medicali o per processi industriali viene generato utilizzando gas naturale, e quindi torniamo al punto di partenza.

Quando nel prossimo futuro ci sarà la necessità di porre rimedio all'instabilità e alla non programmabilità delle fonti rinnovabili, l'idrogeno sarà chiaramente annoverato come lo strumento ideale e sarà il gas fondamentale per l'accumulo dell'energia da fonti rinnovabili. In questo caso, ci aspettiamo che i due filoni di investimento della strategia energetica nazionale, cioè l'aumento delle rinnovabili e l'aumento delle conoscenze della filiera dell'idrogeno, in futuro renderanno questo combustibile sicuramente molto più profittevole rispetto ad oggi.

Quindi occorre aspettare?

Noi siamo pronti per quel momento! Oggi tutta la nostra gamma di impianti di cogenerazione è testata per essere alimentata con miscele via via crescenti di idrogeno e metano, e alcune tipologie di macchine sono già testate con 100% idrogeno. Chiaramente questo comporterà tutta una serie di valutazioni e di adeguamenti della filiera, anche manutentiva. Però da questo punto di vista siamo già pronti e non vediamo l'ora di poter alimentare le nostre macchine anche con l'idrogeno, che è il gas del futuro.

Infine, dopo l’investimento chi garantisce efficienza e affidabilità dell'impianto di cogenerazione nel tempo?

Il servizio di gestione degli impianti è uno dei pilastri fondamentali su cui si fonda la nostra attività, in quanto in questo modo accompagniamo il cliente nella conoscenza della soluzione installata. Inoltre, nel caso in cui Centrica abbia investito direttamente il proprio capitale, è fondamentale per assicurare la profittabilità dell'investimento. I nostri impianti e le nostre soluzioni energetiche, infatti, sono fondati sulla capacità di generare risparmi economici e questo è basato sulla garanzia dell’ottima funzionalità dell'impianto. Per questo motivo, periodicamente eseguiamo dei performance test sui nostri impianti, verifichiamo che la tabella prestazionale sia coerente con quella che era stata stabilita in fase progettuale ed eventualmente interveniamo, anche in collaborazione con il cliente, per studiare quelle che possono essere le strategie di ottimizzazione da porre in essere sul processo produttivo.

La partnership che si instaura con il cliente è duratura e di sicuro profitto per entrambe le parti. L'impianto di cogenerazione è sicuramente un'attività “win-win” quando viene dimensionato correttamente e quando la collaborazione ai fini dell'ottimizzazione dura nel tempo. E devo dire che i “track report” che abbiamo in Italia, e non solo, ci dimostrano di poter garantire questo risultato. Nelle soluzioni finanziate, la garanzia è ancora più forte perché come proprietari dell’impianto abbiamo tutto l’interesse a mantenere massimi livelli di efficienza.

Abbiamo dunque visto come la cogenerazione, in realtà, può essere un ottimo alleato delle aziende per migliorare la propria efficienza energetica. Spesso è considerata una tecnologia matura, che appartiene al passato, ma ciò non corrisponde alla realtà

Infatti, questa soluzione energetica è a prova di futuro e le aziende possono dotarsi già oggi di un impianto hydrogen-ready, per essere pronte quando l'idrogeno sarà disponibile su larga scala. Inoltre, con le forme contrattuali completamente finanziate da Centrica, non è necessario alcun esborso di capitale iniziale.

Contattaci per iniziare oggi il tuo percorso di efficientamento energetico e per scoprire tutti i vantaggi della cogenerazione.

Iscriviti a Centrica Business Solutions

Registrati per ricevere la nostra newsletter mensile e aggiornamenti su:

  • Net Zero, sostenibilità, decarbonizzazione ed energie rinnovabili 
  • Le nostre soluzioni energetiche e i trend del mercato energetico
  • Le nostre ultime notizie, webinar, podcast ed eventi

Iscrivendoti riceverai subito un contenuto esclusivo.

Cliccando su ‘Iscriviti’ acconsenti all’invio della newsletter mensile Centrica Business Solutions e di altre informazioni sui temi indicati. Potrai cancellare la tua registrazione in qualsiasi momento. Per saperne di più, leggi la nostra informativa sulla privacy.